DFP Header Area

Capolavoro Benetton a Dublino, Zebre all’ultimo respiro sui Dragons

Enrico Borra

Enrico Borra

17 Apr 2018

E’ un vero e proprio capolavoro sportivo quello che permette al Benetton Treviso di centrare il successo all RDS Arena di Dublino. Vincere per la prima volta nella tana del Leinster, leader della Conference B e storicamente una delle superpotenze del rugby europeo, permette alla truppa di Kieran Crowely di raccogliere l’undicesimo successo stagionale e sfiorare quella quota 55 punti in classifica (attualmente i veneti sono fermi a 54) considerata dai più, alla vigilia della stagione, semplicemente irraggiungibile.

La seconda meta in due partite di un sempre più decisivo Ruzza spiana così la strada verso un risultato storico non solo per l’organizzazione bianco-verde ma per tutto il rugby italiano, corsaro per la prima volta dell’era professionistica “vera” nel cuore della tradizionale ovale irlandese.

Molto positiva, sebbene anche fortunata, la “prima” delle Zebre al Fattori de L’Aquila. Di fronte a seimila entusiasti spettatori i bianco-neri di Michael Bradley subiscono la tripletta di uno scatenato Jared Rosser ma, grazie ad una splendida reazione, riescono a ribaltare il risultato e ad assicurarsi il fondamentale successo con bonus nello scontro diretto delle “ultime europee” della classifica. Decisiva la meta di Carlo Canna (trasformata dallo stesso mediano di apertura) a dieci dalla fine e, sopratutto, il fatale calcio di punizione sbagliato da Arwel Robson a tempo scaduto.

Serve a poco invece la preziosa vittoria casalinga sugli Ospreys all’Ulster di un decisivo Jacob Stockdale: a Murrayfield Edimburgo firma la prestazione più convincente della stagione, affossa gli Scarlets campioni in carica sotto ad un pesantissimo 52 a 14 e si assicura i primi playoff della sua storia nel torneo professionistico celtico (oggi anche italiano e intercontinentale).

Importante il successo del Munster a Bloemfontein, casa dei Cheetahs. Grazie ad un piazzato dalla lunga distanza dell’internazionale irlandese Conor Murray la Red Army si assicura infatti lo spareggio-playoff casalingo che potrebbe spianare la strada ad un’altra semifinale per il titolo. Preziosa anche la rotonda vittoria dei Cardiff Blues a Port Elizabeth: Jarrod Evans ispira ancora una volta la manovra gallese che centra il bonus mettendo così al sicuro la partecipazione alla Champions Cup del prossimo anno.

Quindicesimo successo stagionale, infine, per i Glasgow Warriors che allo Scotstoun piegano il Connacht grazie ad un primo tempo semplicemente perfetto e tornano, a 80 minuti dalla fine della stagione regolare, la miglior squadra del Guinness PRO14.