DFP Header Area

Zebre di misura sui Dragons

Andrew Lawton

15 Apr 2018

Tags

Dopo una prima sfuriata dei Dragons tenuto a bada dalle Zebre, al 6’ c’è una bella ripartenza da lontano dei bianconeri, offload per Luus che scatta, Bellini a sostegno che si fa assorbire dall’ultimo difensore, palla a Marcello Violi che si invola in solitaria tra i pali.

Zebre che giocano molto alla mano, ripartendo anche da lontano, ma al 13’ un pallone confuso sull’erba, con Minozzi che scivola, regala la palla facile ai Dragons che con due passaggi arrivano fortunosamente in area di meta.

Castello non annulla e realizzazione gallese che si portano a -2. Torna a spingere la squadra di casa, arriva a un passo dalla meta, ma si torna sul precedente vantaggio e Canna piazza tre punti facili.

Sulla ripartenza, però, si addormenta la difesa di casa e Jared Rosser ringrazia, si infila senza fatica e segna la seconda meta personale e vantaggio ospite.
A

ncora un brutto errore delle Zebre palla in mano regala un nuovo affondo ai Dragons, ma questa volta nulla di fatto. Bianconeri che cercano lo spettacolo, ma spesso si perdono proprio nelle giocate belle ma inconsistenti. Così al 34′ un calcetto gallese trova per l’ennesima volta distratta la difesa di casa e Rosser fa il tris personale.

E prima dello scadere ancora un’indecisione difensiva costa caro e Newport conquista il bonus con Charlie Davies.

Cambiano marcia le Zebre a inizio ripresa. Dopo una meta sfiorata dopo un paio di minuti con Violi, al 46′ è Tommaso Castello a sfondare dopo un buon passaggio di Bellini e seconda meta bianconera.

Una manciata di minuti e a infilarsi nella difesa gallese è il neoentrato Tommaso D’Apice che riporta le Zebre vicine, dopo che i Dragons avevano messo tre punti sul tabellino.

Al 56′ è Newport a perdere malamente un pallone e Johan Meyer prima allunga l’ovale con il piede, poi lo raccoglie e arriva la meta del bonus e del -2.

Al 67′, però, un fallo bianconero riporta a +5 Newport e Treviso deve segnare una meta per vincere la partita. Si riportano in attacco i padroni di casa, spingono con la maul alla ricerca della marcatura, cercano di variare il gioco. E al 71′ è Carlo Canna a tuffarsi tra i pali e vantaggio Zebre per 34-32.

Ora sono i Dragons a buttarsi in attacco per ribaltare nuovamente il risultato.

E ci riescono al 75′, nuovamente con il solito Rosser, che va facilmente a schiacciare, ma l’azione è viziata da un netto avanti e meta annullata e Zebre che si salvano.

Subito dopo punizione conquistata dai bianconeri che, così, a tre minuti dalla fine possono allontanare la pressione gallese.

Provano ancora i Dragons, che devono però ripartire dalla loro metà campo, le Zebre non concedono troppo, scade ampiamente il tempo e Newport trova una punizione per andare per i pali da oltre la metà campo.

Sulla piazzola va Arwel Robson e sbaglia. Vincono, soffrendo, le Zebre.