DFP Header Area

Treviso suona la nona sinfonia, Zebre malmenate a Glasgow

Enrico Borra

Enrico Borra

26 Mar 2018

Tags

Monty Ioane, Benetton

Il Benetton Treviso riprende la marcia interrotta bruscamente con la discussa sconfitta interna contro Connacht e sbanca Port Elizabeth, conquistando vittoria e punto di bonus al termine della sfida ai Southern Kings.

Nel solito festival di mete del Nelson Mandela Bay Stadium vanno a segno per i Leoni Baravalle, Lazzaroni, Banks, Iannone e Styen, ma è il piede del play neozelandese a tenere a bada il veemente ritorno dei sudafricani.

Il match finisce così con un pirotecnico 36 a 35 per i bianco-verdi, mai realmente in pericolo fino al finale, che dopo Pasqua, contro i Dragons a Monigo, si giocheranno un pezzo di storia ovale italiana.

E’ invece un completo disastro la trasferta scozzese delle Zebre di coach Bradley.

Allo Scotstoun di Glasgow la franchigia federale fa da sparring partner alla festa “organizzata” dai Warriors per il ritorno a casa di DTH Van der Merwe (doppietta per l’internazionale canadese) e subisce una lezione di rugby che rimarrà negli annali della competizone.

Finisce infatti con un pesantissimo 68 a 10 una sfida già decisa dal parziale della prima frazione di gioco, andata agli archivi con un incredibile 40 a 0.

Va al Munster la rivincita della finale per il titolo 2017 contro gli Scarlets campioni in carica: trascinata da un Robin Copeland in splendida forma, la Red Army recupera la meta gallese di Aled Davies in avvio, mette la freccia proprio con l’acuto di Copeland e sigilla il prezioso successo con Wootton nel finale.

Munster è però l’unica formazione irlandese in grado di festeggiare il diciottesimo turno di Guinness PRO14, visto che Leinster, Ulster e Connacht cadono tutte nel weekend.

I dubliners, sfortunati per i tanti infortuni subiti in avvio di gara, vengono sopresi dagli Ospreys di Dan Biggar al Liberty Stadium di Swansea mentre l’Ulster subisce la verve creativa di un ispirato Jarrod Evans che illumina l’Arms Park di Cardiff.

A Galway invece si compie l’ennesimo capolavoro della Edimburgo targata Cockerill: sotto 17 a 13 nell’inospitale Sportsground, gli scozzesi girano il match.

Ancora una volta, con l’ingresso di Duncan Weir che segna e trasforma la meta del sorpasso decisivo a otto minuti dal termine dell’incontro, trascinando i suoi ad un passo dai playoff.

Successo importanti in chiave classifica anche per i Cheetahs, di rincorsa sui Dragons a Newport: grazie ai cinque punti i sudafricani, terzi e con in mano un biglietto di sola andata per il turno di barrage, tengono infatti a distanza di sicurezza i Cardiff Blues.

Guinness PRO14 Final 2018 Ticket Information: Fans can save up to 20% on selected tickets, and prices start from just €35 for adults and €10 for children, and can be booked via www.ticketmaster.ie