DFP Header Area

Treviso, solo un bonus a Cardiff

Charlie Bennett

17 Mar 2018

Tags

Non sorride alla Benetton il Galles e a Cardiff i biancoverdi perdono contro i Blues, con i padroni di casa che allungano due volte e rendono la vita a Barbini e compagni impossibile. Dopo alcuni calci a muovere il tabellino a favore della Benetton, la prima meta è di Owen Lane al 28′, con Olly Robinson che colpisce poco dopo, al 31′ per l’allungo dei padroni di casa. Treviso si rifà sotto al 35′ con Giorgio Bronzini per un primo tempo che si chiude sul 17-13 per Cardiff.

A inizio ripresa nuovo allungo dei padroni di casa che al 49′ vanno in meta con Ellis Jenkins, ma subito dopo arriva la risposta di Treviso firmata – tanto per cambiare – Monty Ioane. Ma quando Treviso sogna la rimonta, ecco che al 54′ è l’ex Airone Nick Williams a segnare la meta del bonus per Cardiff, che scappa via sul 31-20. Treviso che, però, allo scadere trova la terza meta con Tomas Baravalle che vale, almeno, il bonus difensivo. Un contentino, ma troppo poco soprattutto perché l’Edimburgo ha vinto con Munster e rischia di scappare via definitivamente.

All’Arms Park i Leoni cominciano bene passando subito in vantaggio con il piazzato di Banks dopo appena quattro minuti di gioco. Gli uomini di coach Crowley, in controllo del match, al 4′ raddoppiano ancora con l’apertura neozelandese.  Al 18’ Biancoverdi in attacco sui 5 metri avversari con le avanzate di Faiva e Manu, regge la difesa gallese.

Al 28’ i padroni di casa reagiscono, i Leoni sbagliano e arrivano le mete prima dell’ala Lane sull’out di destra e dopo del flanker Robinson; entrambe le marcature vengono trasformate da Evans. I Leoni non demordono ed al 34’ ci provano con un doppio break di Manu e Fuser, purtroppo giunti sui 5 metri gallesi l’ovale scivola dalle mani di Minto.

Al 35’ calcio di liberazione di Evans intercettato da Bronzini nei 22 avversari ed arriva la prima meta dei biancoverdi; Banks trasforma. Nei minuti finali del primo tempo Minto non rotola via, Lacey assegna un piazzato per i Blues ed Evans dalla piazzola allunga le distanze.

Lo scadere della prima frazione di gioco vede Ioane provare a rendersi pericolo ma viene portato fuori e il direttore di gara manda tutti sotto gli spogliatoi sul risultato di 17 a 13 in favore del Cardiff.

La ripresa si apre con alcuni cambi da una parte e dall’altra, mentre sul terreno di gioco sono diversi gli errori commessi dalle squadre. Bisogna così attendere il 60’ per vedere cambiare il punteggio, è Jenkins ad andare in meta sfruttando un calcetto dal box di Tomos Williams.

Sul restart i Leoni conquistano l’ovale che giunge nelle mani di Ioane che lo deposita oltre la linea di meta avversaria accorciando così le distanze, McKinley è preciso dalla piazzola.

Al 54’ per i Blues arriva la meta di Nick Williams, Evans trasforma e porta i gallesi nuovamente a +11. Gli uomini di Crowley cercano in tutti i modi di reagire ed accorciare le distanze stanziandosi stabilmente nei 22 avversari, Lazzaroni va vicino alla meta ma viene tenuto alto nell’instante prima di marcare.

Le avanzate biancoverdi continuano ma la meta della speranza arriva soltanto ad un minuto dalla fine con Baravalle, McKinley non vuole perdere tempo e prova a trasformare con un drop che però termina a lato.
Non c’è più tempo per provare l’assalto, il match termina 31 a 25 per i Blues ed i Leoni devono accontentarsi del solo punto di bonus difensivo.