DFP Header Area

Treviso espugna Newport di misura

Andrew Lawton
18 February 2018

Share this article

Inizio difficoltoso per la Benetton, che nei primi minuti subisce l’aggressività dei Dragons e dopo due minuti va sotto con la meta di Jared Rosser che raccoglie in area di meta un calcetto rasoterra.

Liam Belcher, Dragons

Continua a soffrire il XV biancoverde che si fa sorprendere dal gioco tattico al piede dei gallesi, che così conquistano una mischia sui 5 metri. Insiste, così, Newport e schiaccia in meta con Rynard Landman, ma la seconda linea perde l’ovale e nulla di fatto, si torna su un vantaggio precedente. E subito arriva la meta gallese, con Liam Belcher che schiaccia e padroni di casa che vanno in fuga. Reagisce Treviso, si porta avanti, mette pressione a Newport e sul calcio d’alleggerimento è Alberto Sgarbi a stoppare l’ovale e poi a schiacciare in meta per il 10-7. E il sorpasso arriva poco dopo. Questa volta si parte da una ruck in attacco per Treviso, palla al largo per Monty Ioane e meta per la Benetton.

 

Cresce la Benetton, che dopo un avvio difficile ha preso il controllo del match e fa lei la partita. Dragons che così sono obbligati a ripartire da lontano e sono meno precisi anche al piede. Anche quando i Dragons provano ad accelerare e a spingere difende bene la squadra di Crowley e tiene a distanza i padroni di casa. Una fiammata di Newport, però, riporta i padroni di casa in attacco mentre ci si avvicina al riposo, ma ancora una volta a un passo dalla meta i gallesi vengono tenuti alto e sprecano un’occasione d’oro. Restano, però, in attacco i padroni di casa, conquistano una punizione in mischia e scelgono la touche quando si entra negli ultimi cinque minuti di gioco. E la maul è vincente e Newport segna la terza meta e si riporta in vantaggio nuovamente con Belcher al 36’. Commette diversi errori la squadra ospite in questo finale di primo tempo e regala con Tebaldi una nuova piattaforma d’attacco nei 22 a Newport. Nulla di fatto, però, e si va al riposo sul 15-12 per i Dragons.

 

L’inizio ripresa inizia con l’ingresso in campo di Zani per Zanusso, ma dopo due minuti il pilone si infortuna ed è obbligato a entrare in campo Traore. Newport che resta in zona d’attacco in questi minuti, conquista una nuova punizione e l’ennesima touche vicino alla linea di meta biancoverde. Si salva Treviso, che ora però soffre il gioco gallese. Ma ancora una volta i Dragons sprecano clamorosamente con un passaggio al largo in avanti a due metri dalla linea di meta. Torna a costruire la Benetton, con le idee di Banks e il lavoro sporco di Barbini e conquista una punizione che il numero 10 trasforma per il pareggio al 57’. Partita equilibrata, con ritmo alto e diversi errori da entrambe le parti, ma Benetton che prova a crescere e a conquistare il successo.

 

Un paio di scelte arbitrali, però, riportano i Dragons sul piede avanzante, ma l’ennesimo errore di handling impedisce ai padroni di casa di rendersi realmente pericolosi. E su una ripartenza da dentro i propri 22 l’estremo gallese sbatte con un compagno regalando una punizione a Treviso e dalla distanza Banks non sbaglia e nuovo vantaggio per la Benetton. Un fallo di Faiva, però, riporta Newport subito nei 22 degli ospiti. L’indisciplina costa a Treviso che fa fallo con Iannone e manda sulla piazzola i Dragons, che però sbagliano nuovamente. Ioane mette in difficoltà i padroni di casa, Banks intercetta un ovale, ma poi dopo il calcetto cade e nulla di fatto, con la Benetton che però si trova nella metà campo gallese. Ma una cattiva gestione dell’ovale da parte di Bronzini nega la possibilità di tenere Newport lontano dall’area di meta. Ma Treviso difende benissimo, obbliga i gallesi all’errore e i minuti passano. Un altro fallo gallese in ruck e Banks va in touche sui 5 metri. E la maul biancoverde spinge Faiva fin sulla linea di meta, ma il tallonatore schiaccia troppo presto e niente meta per il TMO. Allo scadere è Traore ad allungarsi, ma ancora una volta il TMO nega la meta.

Share this article