DFP Header Area

Edimburgo: il giocatore da tenere d’occhio

Enrico Borra

Enrico Borra

14 Apr 2017

Tags

Il 25enne nazionale scozzese Benjamin Martin Toolis è una delle stelle dell’Edimburgo e del Guinness PRO12. Australiano di Brisbane è uno dei primi profili scelti dalla Union scozzese negli anni scorsi per accrescere la competitività della rugby del cardo in campo internazionale. Pescato nel 2013 in un club del Queensland, il gigante con radici nel Lanarkshire (la madre è di Carluke), è subito stato affidato alle sapienti mani di Bryan Easson, responsabile dell’Academy rosso-nera, finendo per guadagnarsi il primo contratto professionistico già l’anno seguente.

Con oltre due metri di altezza, più di 115 chilogrammi di peso e un passato nelle formazioni juniores della nazionale australiana di volley, il giocatore dell’Edimburgo è oggi uno dei numeri 4 più efficaci in rimessa laterale dell’intero Emisfero Nord. Atletico come pochi suoi colleghi, Toolis si è affermato insieme con il gemello Alex tra il 2012 e il 2013 con i GPS Old Boys di Ashgrove, formazione che ha contribuito a portare alla finale del campionato di Brisbane. Convocato con la Nazionale sperimentale australiana per la IRB Pacific Cup del 2013, proprio in occasione della kermesse internazionale dell’Emisfero Sud attirò su di se gli interessi degli osservatori scozzesi e decise di trasferirsi a Edimburgo.

L’esordio in Guinness PRO12 avvenne contro l’Ulster nella stagione 2013/2014. Da allora l’australiano ha indossato in oltre 60 occasioni le maglia dell’Edimburgo, diventando così uno dei punti fissi del pack rosso-nero. Nel corso di questa stagione Toolis è già sceso in campo per ben 19 volte in Celtic ed è partito titolare in tutti i sei match di Challenge Cup che hanno visto protagonista la formazione scozzese, segnando anche una meta allo Stade Français il 10 dicembre scorso. Oggi guida con 16 “rubate” la speciale classifica di Guinness PRO12 delle rimesse laterali strappate al lancio avversario, con un’incredibile margine di vantaggio sugli inseguitori.

Pur essendo dal 2015 uno degli elementi del gruppo allargato della nazionale scozzese, il seconda linea di Brisbane ad oggi ha all’attivo un solo cap internazionale: quello raccolto dalla panchina nella sconfitta 19 a 22 subita contro l’Italia al Sei Nazioni del 2015.

Curiosità, proprio a Treviso, due anni fa (precisamente il 12 settembre), Ben giocò la sua prima partita in coppia con il gemello Alex con la maglia dell’Edimburgo, subentrato in corso d’opera nel successo per 24 a 27 (decisivo in calcio di Greig Tonks a sette minuti dallo scadere).